Bocciati! Bruxelles dà il suo giudizio finale sul Def. Sul tavolo una procedura per debito eccessivo. La Stampa: Salvini pronto a trattare, Di Maio no. Ma la Lega smentisce

21 novembre 2018 – Come ampiamente anticipato nei giorni scorsi, la Commissione europea ha definitivamente bocciato il documento programmatico di bilancio del governo italiano per il 2019. Il collegio dei commissari ha inoltre adottato il rapporto sul debito, spianando così la strada a una procedura per deficit eccessivo nelle prossime settimane.

La manovra italiana, scrivono da Palazzo Berlaymont, vede un «non rispetto particolarmente grave» delle regole di bilancio, in particolare della raccomandazione dell’Ecofin dello scorso 13 luglio; è quindi con «rammarico» che Bruxelles «conferma» la sua precedente valutazione della bozza del bilancio dell’Italia.

E ancora: «La nostra analisi di oggi – rapporto 126.3 – suggerisce che il criterio del debito deve essere considerato non rispettato. Concludiamo che l’apertura di una procedura per deficit eccessivo basata sul debito è quindi giustificata».

Intanto, La Stampa rivela come il vicepremier Matteo Salvini sia pronto a rivedere i conti. Il leghista, riporta il quotidiano di Torino, avrebbe dato la sua disponibilità ad «abbassare l’esposizione del debito». Tradotto: ridurre i miliardi destinati alla quota 100 e al sussidio di disoccupazione impropriamente chiamato “reddito di cittadinanza”. L’alleato grillino, il vicepremier Luigi Di Maio, sarebbe invece irremovibile. Tuttavia, dalla Lega smentiscono la ricostruzione de La Stampa: «La maggioranza è compatta e prosegue nel percorso concordato anche sulla manovra per rilanciare l’economia del Paese».

Fonti M5S da Palazzo Chigi fanno invece sapere che il premier Giuseppe Conte spiegherà in dettaglio il «senso» della manovra, «al di là dei numerini» al presidente della Commissione Jean-Claude Juncker nel corso di una cena di lavoro sabato 24 novembre. «I nostri economisti – insistono – la ritengono adeguata». La spiegazione, fanno sapere, sarà contenuta in un dossier di «tante pagine e molto tecnico».

«Se i commenti attribuiti a Salvini dovessero rivelarsi veritieri, e un compromesso fosse trovato, le sanzioni potrebbero essere, circostanza che renderebbe probabile il riassestamento dello spread tra BTP e Bund intorno ai 270-275 punti», spiega l’analista di ING Groep NV Martin van Vliet, sentito da Bloomberg.

Al termine del collegio dei commissari, il vicepresidente Valdis Dombrovskis afferma in conferenza stampa che l’esecutivo Ue ha «riesaminato il rispetto dell’Italia degli obblighi sulla riduzione del debito e l’analisi di oggi, il nostro rapporto articolo 126.3, suggerisce che il criterio del debito dovrebbe essere considerato come non rispettato».

«Oggi – ha continuato Dombrovskis – confermiamo la nostra valutazione che il documento programmatico di bilancio è in violazione particolarmente grave rispetto alle raccomandazioni». «Il 13 luglio – ricorda il commissario con delega all’euro – il Consiglio aveva raccomandato all’Italia di ridurre il suo deficit strutturale dello 0,6% di Pil ne 2019», mentre nel documento programmatico di bilancio rivisto presentato dal governo «il deficit strutturale vedrebbe un aumento di circa l’1% del Pil il prossimo anno. Questi numeri parlano da soli».

«In una situazione di debito molto alto – prosegue Dombrovskis – l’Italia sta essenzialmente pianificando una spesa aggiuntiva significativa, invece della necessaria prudenza di bilancio. Inoltre, voglio dire che l’impatto di questa manovra sulla crescita sarà probabilmente negativo dal nostro punto di vista. Non contiene misure significative per rafforzare il potenziale di crescita, anzi, possibilmente il contrario».

«Il debito italiano – ha concluso il vicepresidente della Commissione – rimarrà attorno al 131% per i prossimi due anni. Non vedo come perpetrare questa vulnerabilità potrebbe aumentare la sovranità economica. Invece, credo che porterà nuova austerity. Con quello che il Governo italiano ha messo sul tavolo, vediamo un rischio che il Paese cammini nel sonno verso l’instabilità. Spero che questo rischio sia evitato».

In assenza di cambiamenti, l’Ecofin, ovvero i ministri delle Finanze degli Stati membri dell’Ue, dovrà votare l’avvio della procedura, cosa che verosimilmente avverà nella riunione prevista per l’inizio dicembre o in quella di fine gennaio. All’Italia verrà chiesto di rimettersi in carreggiata in un periodo compreso tra i tre o i sei mesi. Alla scadenza del termine, se non verranno prese contromisure, e la Commissione valuterà quindi negativamente il comportamento dell’Italia, il Consiglio Ue potrà decidere se imporre delle sanzioni, che vanno da una multa tra lo 0,2 e lo 0,5 per cento del Pil, al congelamento dei fondi Ue, alla fine dei prestiti della Banca europea degli investimenti e l’uscita dal programma di acquisto di titoli di Stato della BCE, fino all’obbligo – e questo sarebbe il rischio più grave – di una massiccia diminuzione del debito pubblico in un arco di tempo pluriennale. Una correzione da decine di miliardi di euro ogni anno.

This entry was posted in L'iconoclasta. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *