Libri

FriedmanGATTOPARDO

Ammazziamo il Gattopardo

Perché l’Italia è precipitata nella crisi peggiore degli ultimi trent’anni? La colpa è della Germania, dell’austerity imposta dall’Europa, della moneta unica? O della mediocrità della classe dirigente? Esiste una via d’uscita, una ricetta per rifare il Paese?

Per rispondere a queste domande, Alan Friedman, forse il giornalista straniero che conosce meglio la realtà italiana, parte da quegli anni Ottanta in cui l’Italia era la “quinta potenza economica del mondo” e pareva avviata verso una vera modernizzazione per arrivare fino alle drammatiche vicende degli ultimi anni. Attraverso conversazioni con i protagonisti dell’economia e della politica, da cinque ex presidenti del Consiglio (Giuliano Amato, Romano Prodi, Silvio Berlusconi, Massimo D’Alema, Mario Monti) a Matteo Renzi, l’uomo nuovo che potrebbe segnare una discontinuità e portare a un cambiamento radicale, Friedman fa luce su retroscena che nessuno ha finora raccontato. Nello stile inconfondibile e avvincente del giornalista di razza, il racconto delle vicende politiche degli ultimi anni assume una nuova luce, rivelando ciò che spesso è stato omesso o taciuto. E si combina con un ambizioso e sorprendente programma in dieci punti per rimettere il Paese sul binario della crescita e dell’occupazione.

Il tempo delle mezze misure è finito, e Friedman, offre una ricetta di riforme di vasta portata per:

· abbattere il debito pubblico
· creare nuovi posti di lavoro
· tutelare le fasce più deboli
· tagliare le pensioni d’oro (e i troppi regali dello Stato)
· promuovere l’occupazione femminile
· ridisegnare la pubblica amministrazione (premiare il merito, punire l’incompetenza)
· tagliare gli sprechi della sanità e delle Regioni
· istituire una patrimoniale leggera ma equa
· liberalizzare i servizi nell’interesse del consumatore
· varare una nuova politica industriale di investimenti mirati.

Si tratta di una sorta di Piano Marshall per puntare all’obiettivo fondamentale: una crescita duratura, l’unica soluzione che possa evitare rischi alla coesione sociale e fronteggiare la piaga della disoccupazione giovanile. Per evitare la rovina o il declino inarrestabile, l’Italia ha davanti a sé una sola strada: sconfiggere quella conservazione che da decenni – o forse da un secolo e mezzo – è disposta a cambiare tutto perché nulla cambi. Qui, per cambiare sul serio, dobbiamo cambiare testa, dobbiamo ammazzare il Gattopardo.

libro2sito

La madre di tutti gli affari

Sconvolgente rivelazione e resoconto di un insospettabile decennio. Per dieci anni la Casa Bianca, con l’appoggio di alleati a Roma e a Londra infrange o elude la legge, nel tentativo di sostenere Saddam Hussein. Nel grande gioco internazionale che vede … Continua a leggere

tutto in famiglia sito

Tutto in famiglia

Questo libro è insieme la storia di un uomo di potere, della famiglia che lo ha generato (e che ha posto a quel potere solide basi), e della rete di rapporti che hanno consentito e consentono a una dinastia e … Continua a leggere

capitalismosito

Ce la farà il capitalismo italiano?

Un libro senza mezzi termini, che guarda indietro per guardare avanti. Un viaggio straordinario attraverso la politica, l’economia, la società italiana. È il primo libro a raccontare con chiarezza la storia di un paese a un bivio, lo stesso al quale ci troviamo oggi. Continua a leggere

biviosito

Il bivio

L’Italia a metà strada tra crisi e transizione. Diciassette anni dopo l’appello dell’autore alla necessità di fare con urgenza una serie di riforme quelle riforme non sono ancora state fatte. Dove va l’Italia? Che cosa è successo davvero in questi … Continua a leggere