Chiede Giuseppe: Egregio Alan Friedman, innanzitutto complimenti per il libro e per tutta la sua carriera. Vorrei sapere, da lei che più conosce la politica italiana, visto che ha intervistato esponenti politici del passato e del nuovo, come mai il Parlamento non riesce a fare delle riforme e se ne parla solo? Le riforme da fare sarebbero secondo me: Eliminare del tutto il Senato, Diminuire i Deputati e portarli al massimo 300 membri, Eliminare le provincie, Accorpare i comuni sotto i 10mila ab., Creare 4 macro regioni (Nord Ovest, Nord Est, Centro e Sud), Elezione diretta del presidente della Repubblica da parte dei cittadini, Togliere la Figura del Premier, Massimo due mandati da parte dei parlamentari, Auto blu solo per i ministri e Presidente della Repubblica e per il Presidente della Corte Costituzionale. Queste sarebbero solo alcune che darebbero un enorme risparmio da investire sui giovani, imprese e disoccupazione.

Caro Giuseppe, grazie per la tua domanda. Le riforme che proponi sono ragionevoli, ma nella politica italiana ci sono tanti gattopardi, tanti che vogliono conservare lo status quo e sono loro le forze della conservazione, e sono fortissime. Alcuni di questi fanno parte dell’ala del Pd che è stata sconfitta nelle primarie dell’8 dicembre scorso e farebbero qualsiasi cosa, compresa una guerra contro le riforme, per fare cadere Renzi. Eliminando le Province si risparmia fino a 2 mld, accorpando i comuni sotto i 15mila abitanti si risparmia ancora di più, e ponendo fine al bicameralismo perfetto si modernizza la macchina della democrazia in Italia. Prima di fare tutto questo però, ci saranno svariate battaglie. Non sarà facile, ma ci arriveremo.
Saluti, Alan

This entry was posted in Chiedi ad Alan. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *