Oggi è un giorno nero per la democrazia Usa


Donald Trump licenzia il capo dell’FBI, James Comey, che stava indagando su di lui per le potenziali collusioni tra il suo entourage e quello del presidente russo Putin durante le elezioni del 2016. «Peggio del Watergate!», dice Friedman, che aggiunge: «La questione non è più se, ma quando finirà il suo mandato. Resta solo da capire quanto male farà all’America e al mondo prima della sua caduta».

Questa voce è stata pubblicata in Video Blog. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Oggi è un giorno nero per la democrazia Usa

  1. non credo sia una situazione mai verificatasi negli Us-Ho scritto, e non fraintendermi se ci fosse stato Egdar Hoover con tutti i se e i ma a quest’ora Trump sarebbe in galera da un pazzo scusa lo sfogo-

  2. paolo marcotulli scrive:

    anche io sto facendo il conto alla rovescia,
    Ma, davvero, si dovra’ aspettare l’ultimo giorno?
    Non ci sono piu’ gli americani degli anni ’60/80 ?
    Che fine ha fatto quel 99% contro l’1 ?

    Questo mondo e’ molto a rischio considerate figure come Trump, Putin, Erdogan, Kim Jong Un, Cattolici, Musulmani, estrema destra……
    e per fortuna abbiamo scanzato Le Pen .
    Non che scanzandola i problemi siano risolti, al contrario ma , con lei ( e vedendo Trump) tutto si sarebbe peggiorato, come da copione oscurantista.

    Dopotutto, Trump si e’ dichiarato cattolico ed ha anche detto che spera nell’aiuto di Dio per fare il suo lavoro.
    Ma, allora, ce lo poteva dire che non e’ all’altezza….

  3. rudy dessi scrive:

    Straordinario……. con tutti quelli che comandano in USA …… ad iniziare dalla bancocrazia …….. c’è anche la democrazia ……… spero che non sia un errore …….. ma almeno si sa cos’è e dove si nasconde quando la cercano ???

  4. rudy dessi scrive:

    Almeno c’è qualcuno in USA che sappia cos’è la moneta debito in uno stato a democrazia rappresentativa ?
    E qual’è la differenza tra moneta debito e moneta sovrana in uno stato a democrazia diretta ? Le tasse sono dovute con la moneta debito o con la moneta sovrana ? Si può evitare che la moneta debito diventi moneta ricchezza dando origine alle corporazioni multinazionali e sovrastatali ? Qual’è la differenza tra moneta ricchezza e moneta risorsa ?
    Quelli sopra sono solo alcuni elementi essenziali per poter parlare attualmente di democrazia. Chi non ne parla non è sa cos’è la democrazia ma è solamente un povero idiota..

  5. Gastone Losio scrive:

    Caro Alan,
    ma non pensi che con Putin in rapporti anche positivi a livello personale, a differenza di come avrebbe potuto essere con la Clinton, ci possano essere sviluppi positivi per tutti Europa compresa? Fatti come l’FBI potrebbero risultare secondari nella storia grande.
    Ubi maior minor cessat
    ?
    V. mio parere originale sulla mia pagina losio.com#usa
    Grazie!

  6. silvio scrive:

    Gentile signore, opinionista di parte e senza cognizione di causa. Mi permetto una similitudine, lo stesso progetto di distruzione che voi, perdenti… avete a suo tempo riservato a Berlusconi e guardi dove e come e’ finita l’Italia….. nelle mani dei poteri forti. Il GRANDE TRUMP si e’ opposto a tutto questo ed ha ottenuto con una regolare e democratica votazione, la nomina a Presidente degli Stati Uniti. Ora se il Berlusconi avesse fatto la stessa cosa a suo tempo, non ci troveremmo in questa sporca situazione, dove l’identita’ di una nazione e del popolo che ne fa parte, e’ stata “democraticamente concessa ai loschi individui, di cui lei ne fa dei paladini….. L’America e’ stata il sinonimo della democrazia, il capo dell’FBI e’ un figlio “dell’abbronzato” non sarebbe opportuno capire se sia lui, il poco democratico e lasciamo questi luoghi comuni, dove tutti, Italia in testa sono al soldo dei comunisti affiliati ai poteri forti ed il popolo ridotto a “cazzeggiare sui social” o ad arrabiarsi per le tante stupide e puerili azioni che si perpetrano nei confronti di chi vive la quotidianità. Caro Signore si faccia da parte e faccia della democrazia mondiale la sua bandiera.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>