Questa non è l’America – Le armi uccidono

6 novembre 2017 – Ventisei vittime, almeno 12 bambini: è questo il bilancio del massacro compiuto da un killer isolato, armato di fucile, nella chiesa battista di Sutherland Springs, in Texas. Secondo il presidente Donald Trump, “non è una questione di armi”. Eppure, dati alla mano, come vi mostriamo in questo filmato, gli Stati Uniti hanno un enorme problema con la diffusione incontrollata di armi da fuoco, e lo stesso presidente si è sempre mostrato in sintonia con la NRA, la potente lobby delle armi che ostacola qualsiasi cambiamento legislativo volto a limitare – anche di poco, con misure di ovvio buonsenso – il sacrosanto diritto di ogni americano a possedere un’arma.

La sesta puntata della webserie da «Questa non è l’America» – di Alan Friedman e Luna De Bartolo. Videomaker: Gabriele Franceschi /Corriere TV

Che cosa è successo all’America? Che fine ha fatto il sogno americano? E qual è il vero significato di Donald Trump? Per rispondere a queste domande, Alan Friedman ha intrapreso un lungo viaggio nel suo paese d’origine. In questo sesto episodio, Friedman è a Newtown, in Connecticut, teatro di una strage di bambini compiuta da un giovane squilibrato con un fucile d’assalto. Negli Usa, le sparatorie di massa sono all’ordine del giorno. Oggi in America ci sono 350 milioni di armi in circolazione: più di un’arma a testa per ogni abitante. La diffusione delle armi è il grande problema irrisolto degli Stati Uniti. E con Donald Trump alla Casa Bianca, la NRA, potente lobby delle armi, può dormire sogni tranquilli.

Disponibile anche su CorriereTV.

Questa voce è stata pubblicata in Video Blog. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Questa non è l’America – Le armi uccidono

  1. emilio caliandro scrive:

    E no caro Friedman : Questa è l’America ! Ma che paese è se non riesce ad opporsi alla RNA. Guardiamoci negli occhi e diciamola tutta : Il busines delle armi VAL BENE una strage ogni tanto .. e non importa se sono coinvolti anche bambini .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>