Chiede Renzo: La seguo da tempo e le faccio un grande complimento per “Ammazziamo il gattopardo”, un vero capolavoro perché con sole tre parole lei ha centrato il nostro problema (a mio pare manca solo un piccolo capitolo dedicato alla nostra grande classe imprenditoriale, composta da incapaci, corruttori, evasori fiscali, esportatori di capitali…). Ma le chiedo: la nuova generazione, che fa la bella vita coi soldi di papà e che è interessata soprattutto all’ultimo iPhone, iPad, iPod, etc. è in grado di ammazzare il gattopardo? Io purtroppo credo di no.

Caro Renzo, non esiste oggi in Italia una “nuova generazione” ma svariate. Mi spiego meglio: ci sono quelli che lavorano sodo e fanno carriera (pochi), ci sono disperati, persi e disoccupati (tanti) e ci sono quelli stufi della cultura non meritocratica ma di raccomandazione, che decidono di andare a Londra o altrove e non tornano.
Quello che le riforme devono fare è proprio creare nuove opportunità per i giovani. In particolare, secondo me, attraverso investimenti importanti nella banda larga che favoriscano l’e-commerce e start-up per i giovani e anche con la detassazione delle nuovi assunzioni per i primi tre anni dell’esperienza lavorativa

Questa risposta è per forza di cose parziale, ma almeno è un pensiero.
Saluti, Alan

This entry was posted in Chiedi ad Alan. Bookmark the permalink.

One Response to Chiede Renzo: La seguo da tempo e le faccio un grande complimento per “Ammazziamo il gattopardo”, un vero capolavoro perché con sole tre parole lei ha centrato il nostro problema (a mio pare manca solo un piccolo capitolo dedicato alla nostra grande classe imprenditoriale, composta da incapaci, corruttori, evasori fiscali, esportatori di capitali…). Ma le chiedo: la nuova generazione, che fa la bella vita coi soldi di papà e che è interessata soprattutto all’ultimo iPhone, iPad, iPod, etc. è in grado di ammazzare il gattopardo? Io purtroppo credo di no.

  1. Talin says:

    Anche questi sono solo pensieri ma sono all’origine di tutti i problemi attuali.
    L’imprenditore deve poter congedare il collaboratore quando questo non è più tale, basta con il protezionismo corporativo esercitato dai sindacati.
    I giovani vanno educati per tempo ad affrontare i sacrifici, leggi svezzamento, altro che “notti bianche” e “movide” ci si è dimenticati che: il mattino ha l’oro in bocca?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *