Elezioni Israele – Vittoria per Netanyahu: «Governo forte entro due-tre settimane»

18 marzo 2015 – Contro tutte le previsioni, Benjamin Netanyahu va verso il suo quarto mandato da primo ministro. Con 29 seggi su 120 (che potrebbero salire a 30 con la conta dei voti dei soldati), il Likud è in grado di formare una maggioranza di destra con partiti nazionalisti e confessionali avendo pieno controllo del parlamento.

«Sono veramente fiero per la grandezza di Israele. Nel momento della verità, ha preso la decisione giusta», ha commentato a caldo Netanyahu. «Ora dovremo formare un governo forte e stabile – ha annunciato – Oggi ho parlato con tutti i leader dei partiti del campo nazionale (di destra) e mi sono appellato per formare un governo senza indugio». «Entro due-tre settimane», secondo un comunicato del Likud. Un governo che secondo ogni previsione sarà molto più di destra nazional-religiosa del precedente.

Si ferma a 24 seggi il centrosinistra, la coalizione Campo Sionista della coppia Isaac Herzog e Tzipi Livni, nonostante i sondaggi di questi giorni li vedevano primeggiare sul partito del premier uscente.

«Alcuni minuti fa ho parlato con il primo ministro e mi sono congratulato con lui e gli ho augurato buona fortuna», ha detto Herzog ai giornalisti.

Confermato il successo della Lista araba unita (coalizione di partiti arabi), che ha ottenuto la cifra record di 14 seggi e diventa la terza forza della Knesset – il parlamento monocamerale d’Israele.

Cala invece nei consensi il Focolare ebraico di Naftali Bennett, destra radicale nazionalista vicina alle istanze dei coloni, che dai 12 seggi conquistati nel 2013 passa oggi a 8 seggi.

Domani il presidente Reuven Rivlin riceverà i dati definitivi delle elezioni e non avrà altra scelta che affidare a “Bibi” l’incarico di formare un nuovo governo. Con questi numeri tramonta quindi l’ipotesi, da lui caldeggiata ieri, di un governo di unità nazionale.

This entry was posted in L'iconoclasta. Bookmark the permalink.

One Response to Elezioni Israele – Vittoria per Netanyahu: «Governo forte entro due-tre settimane»

  1. antonella celletti says:

    La pace in M.O. che auspicate e che considerate “più difficile” con B.N. è forse quella che prevede la scomparsa di Israele? La predominanza degli amici islamisti di Obama? Il predominio dell’Iran? Altre Libie in M.O.? Nkn bastano i danni fatti dagli Usa di Obama in M.O. e altrove?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *