FINANCIAL TIMES: Contestati i tagli ai sussidi per il fotovoltaico italiano

23 giugno 2014 – Gli investitori italiani e stranieri mettono in discussione la legalità dei tagli, voluti dal nuovo governo di Matteo Renzi, ai sussidi nel settore in rapida espansione del fotovoltaico. Tagli che, avvisano le industrie, mineranno la credibilità dell’Italia nell’attrarre nuovi investimenti.

Un decreto governativo proporrebbe di ridurre del 10-25 per cento alcuni incentivi tariffari al solare nel secondo più grande mercato fotovoltaico d’Europa. Ci sono stati tagli simili in Spagna e Grecia. Il decreto, che non è ancora stato firmato dal presidente Giorgio Napolitano, è stato tacciato di incostituzionalità da Assorinnovabili, un’associazione di aziende nel settore delle energie rinnovabili.

È stato chiesto a Valerio Onida, ex presidente della Corte costituzionale, di fornire un parere giuridico al capo dello Stato. Per convertire il decreto in legge, entro due mesi dalla firma, è necessaria inoltre l’approvazione del Parlamento. «Queste misure porteranno al fallimento la maggior parte delle iniziative imprenditoriali degli ultimi anni», sostiene Assorinnovabili, che avverte come 10.000 posti di lavoro sarebbero a rischio.

Federico Giannandrea, capo delle operazioni in Italia per Foresight, infrastruttura del Regno Unito e gestore di private equity, ha commentato: «Inutile dire quanto questo passo minerà fortemente la credibilità dell’Italia nel continuare ad attrarre capitali stranieri per investimenti futuri». «Stiamo ancora valutando l’impatto finale dei tagli proposti sui nostri stessi progetti. Prevediamo serie conseguenze».

Il governo di coalizione di Renzi ha imposto i tagli come parte delle misure che mirano a ridurre le bollette elettriche per le piccole e medie imprese di 800 milioni di euro all’anno, una delle promesse fatte dal primo ministro al momento del suo insediamento a febbraio ma poi lasciata da parte.

I tagli dovrebbero entrare in vigore a partire dal 2015 e riguarderebbero 8.600 impianti solari con una capacità di 200 kilowatt, per un totale equivalente al 55 per cento della capacità fotovoltaica nazionale installata. Il settore è esploso sulla spinta di alti incentivi che hanno contribuito alla crescita delle energie rinnovabili, le quali rappresentano adesso circa un terzo della produzione elettrica italiana. Tutto ciò ha messo sotto pressione finanziaria i tradizionali approvvigionatori, che gestiscono quasi esclusivamente centrali a gas.

Un investitore internazionale, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha affermato che le grandi banche si sono esposte per 20 miliardi di euro nel settore del solare e sono preoccupate a causa dei tagli pianificati dal governo. «Le misure – ha spiegato – non colpiscono la gente che ha originariamente beneficiato di questi incentivi, poiché molti degli impianti non appartengono più ai loro primi proprietari». «Renzi è sotto forte pressione affinché porti a termine queste misure, ma avrebbe dovuto essere meglio consigliato… Questa decisione si ritorcerà contro di lui».

L’Autorità italiana per l’energia ha informato che gli incentivi per le rinnovabili ammontavano a 10,7 miliardi di euro nel 2013 e si prevede aumenteranno quest’anno a 12,5 miliardi. Federica Guidi, ministro dello Sviluppo economico, ha difeso la decisione del governo, argomentando che i tagli riguarderebbero solo una parte «limitata» del settore solare, che rappresenta complessivamente il 60% degli incentivi alle rinnovabili.

(Traduzione di Luna De Bartolo)

VIA/ The Financial Times

This entry was posted in L'iconoclasta. Bookmark the permalink.

5 Responses to FINANCIAL TIMES: Contestati i tagli ai sussidi per il fotovoltaico italiano

  1. Penso che le bollette siano troppo pesanti. Non possiamo certo mantenere gli impianti a vita!

  2. Italo says:

    Le solite cose fatte all’Italiana,io ero a favore degli incentivi per le rinnovabili ,da montare soltanto sui
    tetti delle abitazioni e dei capannoni ,e non a terra, anche perchè antiestetici e servivano soltanto per arricchimento personale , e non per dare una mano ad abbassare l’inquinamento atmosferico.
    Spero vivamente che venga al più presto ripristinato gli incentivi statali, senza intrecciare il carrozzone GSE,
    e che le Banche accettino solo con la garanzia dello Stato, la cessione di credito derivante dall’incentivo.
    E fare rispettare le leggi all’Enel per quanto riguarda l’obbligatorietà dei 60 gg. per il collaudo.
    Penso che tutti devono installare un impianto nella propria abitazione per produrre l’energia ( a costo zero ),per il proprio fabbisogno. FACCIAMO PER UNA VOLTA UNA COSA SERIA… creeremo tanti posti di lavoro per i giovani. Se vi occorre una collaborazione seria e professionale,io sono ben disponibile ad organizzarmi nelle varie Regioni,soltanto se la cosa diventa seria.

  3. Paolo says:

    Sono anche io d’accordo sugli incentivi agli impianti ad uso domestico, ma l’errore più’ grande e’ stato incentivare gli impianti grossi, solo per produrre utili

  4. Massimo gambino says:

    Credo che gli investitori abbiano ragione. Quando si stipula un “contratto” entrambe le parti dovrebbero rispettarlo e, quando a non rispettarlo è uno stato sovrano, comprendo il fastidio.
    Chi però, come io feci, cercò di metter in evidenza le nefandezze dei conti energia, venne deriso e messo a tacere.
    gli incentivi alle rinnovabili costeranno agli italiani 12,5 Mld nel 2015 e questa cifra si ripeterà, con una leggera cresita annuale, per almeno 20 anni.
    Una cifra colossale a fronte della quale sarà prodotta una energia di basso, bassissimo valore in quanto con il sole e con il vento l’apporto energetico è, ovviamente, variabile e molto diverso fra la notte ed il giorno e fra le diverse stagioni dell’anno.
    un investimento sbagliato per la nostra rete elettrivca che mal sopporta questi apporti
    ed infatti tutta la potenza costruita non ha prodotto nemmeno un impianto tradizionale in meno. Servono tutti per pote garantire l’energia quando il sole ed il vento non ci sono.
    Possiamo dire peraltro che l’immissione in rete di energia alternativa ha determinato la crisi degli altri produttori che hanno visto calare sensibilmente i loro fatturati.
    e l’energia alternativa è gratis? Il sole ed il vento sono gratis!!! ma che cazzate. Il kwk incentivato è in assoluto il più costoso fra tutte le forme e ergetiche.
    io metterei in galera a vita i Pecoraro Scanio, le Prestigiacomo, i Climi, ministri dell’ambenti lestofanti o comunque totalmente incompetenti.
    Renzi proverà a ridurre gli incentivi ma è vero…. Faremo una figura di merdissima!!!!

  5. Gianluca says:

    Io ho investito TUTTO per due impianti a terra su terreni incolti. I comuni mi hanno rapinato prima per i permessi e ora con imu e tasi più alte dei capannoni. Con questa riduzione siamo al fallimento. Ma i contratti a cosa servono allora? È. Lo stato as avermi proposto gli incentivi, gli impianti sono stati pagati cari e salati con enorme gettito per lo stato. Siete dei Delinquenti. Faremo causa e pagherete pure i danni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *