Il debito pubblico è una bomba ad orologeria per il Belpaese. Le regole del Fiscal Compact sono troppo onerose ma esiste un modo per ridurre il debito gradualmente, senza inginocchiarsi davanti a Bruxelles

Il debito pubblico rappresenta «la più importante fonte di vulnerabilità per l’economia italiana». Lo ha scritto la Commissione europea nel suo rapporto sulla finanza pubblica nella Ue. Nei prossimi anni, avverte la Commissione, il paese ha un «rischio per la sostenibilità molto elevato». Non è la prima volta che l’Italia viene bacchettata sul fronte del debito pubblico. E va detto che in questo caso l’Ue tocca un tasto estremamente dolente: con un rapporto debito Pil al 134%, l’Italia porta un fardello pesantissimo. In Ammazziamo il Gattopardo (Rizzoli, 2014) proponevo un piano per portare il debito pubblico italiano sotto la soglia del 100% del Pil in 8 anni. Rivediamolo insieme.

26 gennaio 2016 – Se vogliamo ragionare su come rimettere il Paese sul binario della crescita e dell’occupazione dobbiamo cominciare con l’abbattimento del debito, non per rimandare le iniziative per il lavoro o altre riforme ma per agire contemporaneamente su entrambi i piani.

Perché insisto così tanto sulla riduzione del debito?

La risposta è semplice: una volta che si inizia a ridurre il debito, anche di poco, si manda un messaggio potente ai mercati finanziari, agli speculatori, ai nostri critici e pure ad Angela Merkel, un messaggio che si potrebbe riassumere così: «Zitti tutti. Non ci provate con noi perché stiamo già mostrando quanto siamo virtuosi, seri e responsabili. Ora facciamo una rinegoziazione dei vincoli europei e una modernizzazione delle regole di Maastricht in modo razionale e da una posizione di forza e credibilità come Paese. E porremo fine al culto dell’austerity».

La riduzione seria del debito ci proteggerà dagli speculatori nei mercati finanziari e ci metterà in una botte di ferro, dandoci una credibilità forte e un vero potere contrattuale in Europa, quello che a questo Paese manca da decenni.

Come fare? Vediamo.

1. Sfruttare il patrimonio pubblico, senza svenderlo, per abbattere il debito in modo incisivo, riconquistando la credibilità a livello europeo e nei mercati e riducendo gli interessi che paghiamo. Questo ci darà respiro e ci permetterà di investire, di tagliare le tasse e di pensare in grande a un piano di rilancio complessivo del Paese.

È da anni che nei corridoi del potere e in simposi tecnici ed economici, convegni e centri studi gli esperti discutono dell’uso del patrimonio pubblico per abbattere il debito. Ho parlato con quasi tutti gli uomini e le donne intelligenti ed esperti in questa materia, ho letto tutte le analisi, da Paolo Savona ad Andrea Monorchio e Vittorio Grilli, Franco Bassanini, Francesco Giavazzi e tanti altri, per capire cosa suggeriscono. Ho chiesto il parere di Berlusconi, Prodi, D’Alema, Amato, Monti e Passera. E poi mi sono fatto la mia idea su come fare. E la mia idea non assomiglia alle proposte misere fatte nel 2013 dal governo Letta, in cui si realizzava qualche piccola privatizzazione e qualche giochino contabile. No, così si rischia di svendere ma si rischia anche di fare una mezza misura, di sprecare un’opportunità molto più grande, e anche più giusta nei confronti dei cittadini. Si può abbattere il debito anno per anno, e questo non richiede di mettere subito sul mercato i beni dello Stato. Vediamo come.

Nel mio piano mettiamo le mani, con cautela, su una parte dei 1000 miliardi di beni pubblici, dalle quote delle società come Finmeccanica ed Eni, Enel ma anche le Poste e Ferrovie e i beni immobiliari, dalle spiagge alle caserme dismesse, e facciamo affluire circa 400 miliardi in un nuovo ente o contenitore holding che emette obbligazioni, con un ritmo calibrato di circa 50 miliardi all’anno per otto anni. Mentre via via il patrimonio pubblico si trasferisce al nuovo ente, quell’ente usa il patrimonio pubblico come collaterale ed emette delle obbligazioni di lunga durata (almeno dieci anni) ai privati (per metà in modo obbligatorio per le banche, fondazioni e assicurazioni capaci di investire, per un quarto ai singoli in Italia che potrebbero sottoscriverle come fanno con i Btp o i Bot, per un quarto agli investitori internazionali e fondi sovrani di Paesi ricchi con un’operazione ambiziosa ma seria di marketing).

I ricavi delle obbligazioni sottoscritte dai privati vengono versati al conto capitale dello Stato, riducendo il debito di 50 miliardi all’anno per otto anni, una riduzione che ci porta dal 133 per cento del rapporto debito/Pil sotto il 100 per cento. Il risparmio degli interessi pagati sul debito sono 72 miliardi alla fine di otto anni, e quindi ogni anno ci saranno più risorse disponibili di spesa corrente (i risparmi dalla riduzione degli interessi sul debito), ora liberi e liberati per investimenti nell’occupazione. Non si svende il patrimonio pubblico in un mercato troppo debole per assorbirlo perché il nuovo ente ha fino a dieci anni dal momento in cui sono sottoscritte le obbligazioni per vendere quei cespiti, e quindi ha dieci anni dal primo anno, dieci dal secondo anno e così via. C’è respiro e c’è il tempo tecnico necessario per vendere il patrimonio alle condizioni più favorevoli.

E chi possiede le obbligazioni di questo nuovo ente – chiamiamolo FVPP, Fondo per la Valorizzazione del Patrimonio Pubblico – potrà contare su una cedola bassa ma ben garantita da una fetta del patrimonio (ex) pubblico, quindi sicura. Ma ormai il patrimonio è nelle mani dei privati, che hanno versato denaro allo Stato, e non è più debito. E, per dare un ritorno buono su un investimento sicuro, diamo agli investitori non solo la cedola ma anche la possibilità di incassare un dividendo bonus alla fine di ogni anno, se i ricavi delle vendite dei beni del FVPP in quell’anno superassero il valore di base al quale sono stati trasferiti dallo Stato al nuovo ente (e questo è probabile, perché le valutazioni per arrivare al totale odierno di 1000 miliardi del patrimonio pubblico sono fatte a prezzi stracciati).

Troppo tecnico tutto questo? Riassumo nel modo più semplice: riduciamo il debito, risparmiamo soldi sugli interessi del nostro debito, costringiamo le banche a sottoscrivere le nuove obbligazioni per la metà (perché è giusto!) e piazziamo il resto a investitori italiani e internazionali. Così riconquistiamo il nostro posto sul palco dell’Europa, e poi facciamo sì la voce grossa con la Merkel, ma solo quando siamo credibili.

Da Ammazziamo il Gattopardo, capitolo 9, La Ricetta

Photo credits: Close-up Engineering

This entry was posted in L'iconoclasta. Bookmark the permalink.

3 Responses to Il debito pubblico è una bomba ad orologeria per il Belpaese. Le regole del Fiscal Compact sono troppo onerose ma esiste un modo per ridurre il debito gradualmente, senza inginocchiarsi davanti a Bruxelles

  1. Chiara says:

    Caro signore se non si abbattono le spese per mantenere vecchi e nuovi politici, di comuni ,province ,regioni, e governo ,non si eliminano le super pensioni ,bebi e non ,i vitalizi in genere tramandati a mogli figli nipoti e quantaltro ,le doppie e triple pensioni senza versamenti di contributi ,il carrozzone Italia succhia tutta la nostra linfa , ci uccideranno il debito continuerà a salire !!

  2. Caro Friedman, è la stessa proposta che feci io 4 anni ed era anche più articolata perchè prevedeva di coinvolgere anche gli stabili dandoli in affitto allo Stato e creando una apposita agenzia di manutenzione autofinanziata . Ci feci anche un video su you tube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *